logo

LUNEDI 21 MAGGIO - ore 21.00

TAVAGNACCO (Ud) - Centro civico

CHRISTOPHER PAUL STELLING (USA)

In collaborazione e con il patrocinio del Comune di Tavagnacco, Assessorato alla Cultura

Interi € 10.00
Ridotti (compresi i residenti a Tavagnacco) € 8.00


Ciò che lo distingue da altri songwriter è la fantasia. Si destreggia con disinvoltura tra lo stile country blues, il flamenco e il banjo, il tutto con la sua fidata “Brownie”, una vecchia chitarra con corde in nylon che ha fatto il giro del mondo insieme a lui per tutti questi anni. Stelling non ha regole, né limitazioni, lui è “un’antologia” d’influenze. Quando lo vedi esibirsi, sai che stai guardando un vero artista che sa regalare esibizioni intense. La sua voce è profonda, il suo finger-picking e i suoi testi sono intricati, drammatici ma anche intensamente intimi. Le canzoni riflettono lo spirito di un ragazzo che ha deciso di lasciare la propria casa per viaggiare per il paese: sono canzoni appassionate composte durante le oltre quattrocento serate passate sul palco con la sua chitarra. “Ci vuole molto lavoro per rimanere sulla strada,” dice. “Si impara a fare affidamento sulle proprie canzoni. La testa si riempie di luoghi, suoni e idee. Quando le cose intorno a te cambiano costantemente, anche tu cambi. E le cose che rimangono le stesse ti fanno diventare chi sei. È questo che nutre il mio songwriting, sapere che l’ispirazione è intorno a me.”
Christopher Paul Stelling voce, chitarra



CPSteling.jpeg


GIOVEDI 31 MAGGIO - ore 21.00

CIVIDALE DEL FRIULI (Ud) - Aula Magna Scuola Media “Piccoli”

BENARES TRIO (India-Germania)

In collaborazione e con il patrocinio del Comune di Cividale d.F., Assessorato alla Cultura

Interi € 18.00
Ridotti (compresi i residenti a Cividale) € 15.00


Dalla loro città di Benares, antico centro spirituale della musica tradizionale e della cultura Hindu, i due Mishra, zio e nipote, portano una sintesi unica di musica classica e folk dall'India del Nord che affascina il pubblico di ogni parte del mondo del mondo, offrendogli una favolosa performance ed un arricchimento spirituale. L'attenzione esecutiva reciproca fra Deobrat al sitar ed il nipote Prashant alle tabla sanno creare un favoloso interplay che esalta la loro creatività, resa possibile dalla tecnica superba. Ad essi si unisce un saxofonista tedesco di area jazz, ma pronto ad innescare un dialogo interessante in stile ‘world’ con i due musicisti indiani, Ne emerge un groove originale ed affascinante che sta avendo riscontri importanti sulla stampa internazionale e che sta coinvolgendo il pubblico europeo ed asiatico con standing ovation alla fine dei concerti. Deobrat Mishra torna in Friuli dopo due concerti fantastici a Teor nel 2008 ed a Tavagnacco nel 2014.
Deobrat Mishra sitar
Prashant Mishra tablas
Roger Hanschel sax



TrioBenares.jpeg


SABATO 9 GIUGNO - ore 20.30

GORIZIA – Kulturni Dom

CHUKCHI (Siberia)

In collaborazione con Kulturni Dom di Gorizia e Nova Gorica e Cooperativa Maja

Interi € 15.00
Ridotti € 10.00


Il folklore di Chukchi include miti sulla creazione della terra, della luna, del sole e delle stelle; racconti sugli animali; storie di spiriti maligni che sono responsabili di malattie e altre disgrazie; e storie di sciamani con poteri soprannaturali. I Chukchi hanno anche molte leggende su antiche battaglie tra loro e i Koriaks e gli Eskimos. Come la maggior parte delle persone che vivono nell'estremo nord, in Russia, in Canada o addirittura in Scandinavia, sono persone sciamaniche, che si avvicinano alla natura e le loro canzoni lo riflettono. E, come la maggior parte di loro, a volte accompagnano le loro canzoni solo con un tamburo a mano che chiamano yarar. Hanno anche una forma di canto di gola che è generalmente cantata da una donna e che rappresenta il respiro della renna nella tundra. Questi suoni sono peculiari del Chukchi. Il loro concerto è un meraviglioso omaggio a una cultura in via di estinzione.



chukchi.jpeg


MARTEDI ' 19 GIUGNO - ore 21.00

ROSAZZO (Manzano, UD) - Chiostro dell'Abbazia

EDMONDO ROMANO e LORIS LOMBARDO

In collaborazione e con il patrocinio del Comune di Manzano, Assessorato alla Cultura e della Fondazione Abbazia di Rosazzo

Interi € 18.00
Ridotti (Compresi i residenti a Manzano) € 15.00


Il progetto si chiama “Suoni nelle culture” perché i due musicisti ‘spiegano’ in musica la storia dei tantissimi strumenti sul palco. Il concerto è un viaggio nei brani tipici della tradizione di origine di ogni singolo strumento 
con accenni alle fatture e alla loro storia, attraverso l’esecuzioni di melodie tradizionali ed originali dove radici storiche e geografiche si fondono assieme. Il pubblico si troverà quindi ad ascoltare una mistura di brani mediterranei, dell’est, mediorientali, orientali, africani, sudamericani, suonati impareggiabilmente da Romano (recentemente a Udine con Vittorio De Scalzi, leader dei New Trolls) su una miriade di fiati quali la trombetta egiziana (mizmar), il duduk caucasico, il flauto boliviano (mohozeno), l’oboe turco (zurna) e un mare di percussioni quali la kalimba africana, il panderio brasiliano, il balafon africano, le congas cubane e fino al magico handpan, di cui Lombardo è uno strepitoso solista pluripremiato.
Edmondo Romano strumenti a fiato
Loris Lombardo strumenti a percussione



romanolombardo.jpeg